“ … La denominazione “Chiesa Ordinariato Militare” esprime la sua natura teologica: Chiesa particolare, nella quale è realmente presente la Chiesa di Cristo, una, santa, cattolica e apostolica; Ordinariato, la sua struttura organizzativa; Militare, la sua specificità. La Chiesa Ordinariato Militare ha coscienza di realizzare la propria vocazione vivendo nella comunione e compiendo integralmente la missione a lei affidata da Cristo. Particolare privilegio e segno d’attenzione della Chiesa universale verso i militari è il fatto che ciò che costituisce un battezzato membro della Chiesa Ordinariato Militare non è tanto l’abitare in un determinato territorio, quanto l’essere chiamato ad un particolare servizio. La Chiesa Ordinariato Militare è articolata in Zone Pastorali e in comunità parrocchiali. Queste ultime comprendono ogni realtà militare fornita di quelle strutture logistiche indispensabili per una vita ecclesiale e guidata da un cappellano militare con funzione di parroco. Questa Chiesa, per il particolare ministero che rende e che fortemente la caratterizza, può a maggior ragione essere denominata quale “Chiesa tutta ministeriale”, cioè tutta “diaconia” verso quei giovani che dalle varie Chiese e da ogni parte d’Italia giungono nelle caserme. Servizio primario che la Chiesa rende al mondo militare è quello di armonizzare il rapporto tra la fedeltà alla legge di Dio e la fedeltà alle giuste leggi degli uomini; tra il Vangelo della vita e l’adempimento del proprio dovere a difesa della vita, correndo il rischio di uccidere o di essere uccisi; tra il perdono e la pena necessaria per ristabilire la giustizia lesa. Per questo difficile ministero e nella totale fedeltà al Vangelo, la nostra Chiesa si impegna ad essere sale, luce e lievito…”. (Cfr. Primo Sinodo della Chiesa Ordinariato, I La Chiesa Ordinariato: Popolo di Dio e Corpo Mistico di Cristo, nn. 8- 12)

Questa Parrocchia dei Militari “Madonna di Loreto” appartiene alla VII Zona Pastorlae Emilia Romagna

_______________________________________________

 VII ZONA PASTORALE Emilia-Romagna

La Zona è coordinata da un DECANO, scelto tra i Cappellani della Regione, che ha il compito di animare la vita spirituale e pastorale dei singoli Cappellani, coordinare le attività comuni e fare da legame diretto con la Curia.

Con scadenza mensile, ci ritroviamo a Bologna, per le giornate di fraternità, strutturate da un momento di preghiera, un incontro a carattere formativo, un momento  per la pianificazione, programmazione e verifiche delle attività comuni e condivisione di quelle singole. Termine della giornata con un momento di agape.

Attualmente i Cappellani/Parroci della VII ZP, risiedono nelle seguenti Città: Piacenza, Ferrara, Modena, Bologna, Cervia, Rimini, coprendo tutti i Reparti dell’Esercito, Marina/Capitaneria di Porto e Direzione Marittima, Aeronautica, Carabinieri e Guardia di Finanza.

Per alcune attività, in collaborazione, con i Cappellani della Polizia di Stato.

L’Attività della nostra ZP:

  • Riunioni mensili per i Cappellani: Quest’anno sono stati invitati Sacerdoti o Vescovi della Regione, a parlare sul tema del prossimo Sinodo dei Vescovi: I Giovani.
  • Corsi in preparazione al matrimonio a carattere Interforze: Bologna, Modena e Piacenza (in programmazione altre zone)
  • I Precetti Pasquali Interforze: in tutte le Diocesi, dove risiede o ha reparti il Cappellano (Piacenza, Ferrara, Parma, Modena, Bologna, Ravenna, Forlì, Rimini) celebrazione presieduta dai Vescovii Diocesani Locali e in una di queste, a turno, invece presiede l’Ordinario Militare per l’Italia (quest’anno 2018 è stata la volta della Città di Bologna, celebrazione nella Chiesa di San Francesco)
  • Celebrazione del Rito della Confermazione Interforze: in una delle sedi dove risiede il Cappellano, quest’anno sarà a Modena all’Accademia Militare dell’E.I.)