ALLA RICERCA DELLA STELLA MANCANTE

Un tempo creativo per ricercare la bellezza dentro se stessi

 

 

L’umanitą puė vivere senza la scienza, puė vivere senza pane, ma soltanto senza la bellezza non potrebbe piĚ vivere, perché non ci sarebbe piĚ niente da fare al mondo! … 

La scienza stessa non resisterebbe un minuto senza la bellezza.
(FĎdor Dostoevskij)

 

 

“Dove si trova la bellezza? 

Nelle grandi cose che, come le altre, sono destinate a morire oppure nelle piccole che,

senza nessuna pretesa, sanno incastonare nell'attimo una gemma di infinito?“

( Muriel Barbery, L'eleganza del riccio)




In un tempo che rischia di annichilirci, abbatterci e rattristarci, dobbiamo aiutarci a mantenere lo sguardo alto verso l’orizzonte e scorgere la vera luce in quella speranza che anima la vita di sempre. L’intento di questa semplice riflessione Ź aiutarci a mantenere questo gusto del bello e della creativitą che sono doni di Dio e se li sappiamo usare, riscoprire, diventano linfa per la vita quotidiana.

In questi giorni nella Newsletter: “Abitare nella possibilitą”, nata per questo tempo di emergenza, della Rivista “La Civiltą Cattolica”, una delle riviste piĚ prestigiose, della Chiesa Cattolica, gestita dai Gesuiti, a cui vi rimando e che trovate anche nella pagina della “Biblioteca” di questo Sitola Redazione ci ha portati a riflettere sulla preghiera che il Papa ha fatto in una Messa della scorsa settimana. Credo possa essere un bello spunto per vivere questo tempo, in modo positivo e creativo. Ognuno di noi ha capacitą e doti che puė mettere a frutto. In questi giorni vi avevo scritto la lettera per il Mese di maggio, invitandovi a scrivere una preghiera, oggi v’invito a creare qualche cosa di bello per voi, la vostra famiglia, la vostra casa. Abitare Ź vivere, vivere Ź amare e amare Ź sentirsi in comunione con Dio, allora la vita, l’amore e la bellezza diventeranno strumenti ideali per abitare questo tempo in modo positivo. “La Lectio Biblica del Giovedď del Cappellano” che farė a Maggio e vi rimando al programma, hanno lo scopo di aiutarci a vivere questa dimensione della casa, come luogo dove abitare e non solo starci, con l’essere creativi, attraverso l’arte, la musica, la poesia, la narrativa, il cinema ….


Nella sua introduzione della Messa mattutina del 27 aprile a Santa Marta, papa Francesco ha rivolto una preghiera di ringraziamento per gli artisti: “Preghiamo oggi per gli artisti, che hanno questa capacitą di creativitą molto grande e per mezzo della strada della bellezza ci indicano la strada da seguire. Che il Signore dia a tutti noi la grazia della creativitą in questo momento”. 

Ci uniamo alla preghiera del Santo Padre perché, anche attraverso le nostre brevi riflessioni contenute in Abitare nella Possibilitą, comprendiamo quanto l’arte sia fondamentale, non solo per affrontare la vita, ma per comprendere le profonditą dell’esistenza stessa.

Attraverso la narrativa, la poesia, la pittura, il cinema, la musica sentiamo che l’essere umano non Ź solo costituito da carne e ossa – che si soddisfa solo di pane, per riprendere i termini del Vangelo a cui faceva riferimento papa Francesco durante quella celebrazione eucaristica (Gv 6,22-29) – ma Ź portato a contemplare le dimensioni della bellezza, gli abissi del dolore, l’ebbrezza della gioia, lo stupore dell’Essere.

L’arte, dunque, Ź essenza dell’essere umano. Permette di cogliere simbolicamente il creato, ossia di tenere insieme la terra concreta, l’humus, e l’immensitą del cielo, alla ricerca della stella mancante, quel desiderio d'infinito che spinge a mettersi in cammino. In questo periodo doloroso e inatteso, complesso e drammatico, ci accorgiamo di quanto respiro – “strada di bellezza” – ci possano dare gli artisti: non dimentichiamoci di loro che vivono ancor piĚ radicalmente la fragilitą di questo tempo…”. 

(Cfr. La Civiltą Cattolica - Newsletter – Abitare nella Possibilitą)

 

Mettiti alla ricerca anche tu della “Stella mancante” e diventa ricercatore del bello e incontrerai Dio, l’amore, la vita e la speranza tornerą ad abitare il tuo cuore e quello di chi t’incontrerą.

 

stellamancante@unavoce