Maria viene in casa nostra come evangelizzatrice

“…..Maria, messasi in viaggio, si recò in fretta verso la montagna, in una città di Giuda. Entrò nella casa di Zaccaria e salutò

Elisabetta…. Rimase con lei circa tre mesi, poi ritornò a casa sua” (Lc. 1,39-56)

La nostra Parrocchia è intitolata alla Madonna di Loreto, Patrona dell’Aeronautica Militare, e questa particolare situazione, unita alla devozione alla Vergine Maria, ha creato, tempo fa, una significativa tradizione.Il mio predecessore aveva istituito, in questa comunità, l’uso di far girare tra le famiglie una statua della Madonna, abitudine che è rimasta in vigore e che continua nel tempo. L’effige della Verine passa di casa in casa, di famiglia in famiglia, come ospite e pellegrina condividendo la vita della famiglia che in quel momento l’accoglie, diventando occasione, per la famiglia, di fermarsi davanti alla figura della Mamma di Gesù a pregare e mettere nelle sue mani le varie richieste che ha. Con questo semplice gesto, non solo viene messa in risalto la devozione alla Vergine Maria, ma il desiderio di imparare da Lei, il suo stile di vita, la sua obbedienza alla volontà di Dio attraverso la sua devozione e fede, la sua pazienza, il suo silenzio e la sua presenza costante, efficace e determinante nella vita di Gesù e della comunità degli Apostoli. Con questo spirito continuiamo questa tradizione e come pellegrina la Vergine Maria vista le nostre famiglie, abita le nostre case, cammina nella nostra comunità, condivide il nostro cammino. Di settimana in settimana, passando dalla Chiesa, la Domenica, dopo la S. Messa, una famiglia la riporta e un’altra la preleva e così facendo, la Vergine prosegue il suo cammino nelle vie della nostra comunità, sentendola accanto a noi, con questa immagine, ad indicarci sempre il Suo Figlio e Dio Gesù. L’impegno della preghiera, per chi la ospita, è anche quello di pregare per tutta la comunità Parrocchiale. Queste preghiere, che riporto, potrebbero essere letta dalla famiglia il giorno che arriva e il giorno che parte.

Preghiera di accoglienza

Vieni o Madre e degnati di abitare in questa casa. Ti abbiamo atteso con gioia ed entusiasmo, abbiamo preparato per Te un posto di onore, con cuore di figli, indegni, ma desiderosi di essere sempre tuoi. Ti accogliamo nella nostra casa perché diventi luogo di riflessione e di preghiera. Vieni, o Madre, apri i nostri cuori alla grazia del Signore. Come un giorno abitasti nella casa di Zaccaria e di Elisabetta, come portasti la gioia nella casa degli sposi di Cana, così oggi riempi tutti noi di letizia, di benedizione e di pace. Oggi ci raduni nel tuo Cuore per condurci a Gesù, per pregare il Padre e implorare il dono di una nuova Pentecoste. In profondo raccoglimento ci stringiamo intorno a te, Madre nostra Celeste. Intercedi per noi e supplica lo Spirito del Signore perché accenda in noi il fuoco del suo amore. Maria, madre della Chiesa, dona forza ai tuoi figli devoti radunati in questo tempo a te dedicato. Rinvigorisci coloro che ti cantano e rendili partecipi della tua Corona di gloria. Orienta i passi della nostra comunità verso una speranza viva.

Preghiera di saluto

Grazie, Vergine Santa, dolce nostra Signora: è stato un dono, è stata una festa intrattenerci questi giorni con te. La tua visita ci ha consolato, ha rianimato la nostra fiducia, ha riacceso in noi più forte la gioia di essere tuoi figli. Non ci dimenticare, non sottrarre lo sguardo benedicente su di noi. Ti raccomandiamo, o Maria, tutte le persone sole e abbandonate, tutte le persone vuote nelle quali è avvizzito l’amore e distrutta la pace interiore, perché cercate da te sentano, nel tuo affetto materno, il desiderio di Gesù che cerca la pecorella smarriti. Noi che restiamo alle prese con le prove e le tristezze della terra, non cesseremo di chiedere la tua intercessione: Aiutaci ad essere, in ogni situazione, operatori di pace, di lasciarci illuminare dallo splendore della verità, di allontanare da noi la menzogna, causa di effetti devastanti nella vita degli individui e delle Nazioni. Fa che non vacilli la nostra fede, non venga meno l’amore fattivo verso i fratelli. Donaci il coraggio di essere veri testimoni del Risorto.