dal mio scaffale

 

“Il Buon lettore è come un viaggiatore curioso, ogni libro scelto rappresenta l’inizio di un viaggio dove poter esplorare nuovi mondi e arricchire la propria mente” (Emanuela Breda)

 

COSTRUIRE PACE

Per curare l’anima, il cuore e il mondo

 

“una cultura della cura, quale impegno comune, solidale e partecipativo per proteggere e promuovere la dignità e il bene di tutti”. (Papa Francesco, Messaggio per la Giornata mondiale della pace 2021)

Da più parti ci giungono segnali di rinascita, le parole del Papa, nel Messaggio per la Giornata Mondiale della Pace, dello scorso 1° gennaio, che vi ho citato in apertura, suggeritemi da una lettura fatta sul sito Monastero di Bose, mi porta a condividere con voi la bellezza della lettura, della Poesia, dell’Arte, della Musica, del Cinema … pertanto qui, oggi, vorrei segnalarvi la Rassegna Stampa e la sezione Libri della Rivista “La Civiltà Cattolica”,l’angolo della LEV, Editrice Vaticana, utili strumenti dove ci vengono presentate, novità editoriali, letture e pubblicazioni varie che possono guidare la nostra crescita umana e spirituale.

NOVITA’:

Oggi – in questa mia Rubrica “Il Viaggiatore” una proposta dal mio scaffale, nella pagina della Biblioteca di questo sito, pensata per condividere le mie letture con voi – vorrei presentarvi questi libri:

QUELLO CHE CI SOSTIENE Per una vita riuscita di Anselm Grün

Cos’è che veramente ci tiene in piedi nella vita? Su cosa poggiano i nostri passi? Che ruolo ha la fede in questo cammino della vita? Che strumenti e chiavi di lettura abbiamo per rileggere la nostra storia e rintracciarne il senso, in un tempo che ha rimesso in discussione tante certezze acquisite e abitudini consolidate? In queste pagine, padre Anselm Grün non offre risposte certe a queste grandi domande, ma le accoglie e le patisce insieme ai suoi lettori, accompagnandoli alla ricerca di una risposta personale, intima e profonda. Il monaco benedettino apre il suo cuore sfogliando l’album dei ricordi della sua vita, tra le gioie e i dolori, le intuizioni e l’impegno che l’hanno contraddistinta, per farsi compagno di strada di quella ricerca di vita di cui ognuno è protagonista in prima persona.

MIO DIO, COME SEI BUONO La vita e il messaggio di Charles de Foucauld

La breve biografia del Beato Charles De Foucauld mette in risalto i punti salienti della sua spiritualità e della sua pastorale. L’Autore apre il suo saggio con un approfondimento sul tempo e sulla storia del secolo in cui vive il beato e prosegue tracciando un suo profilo biografico e mistico. Il fascino che il nostro beato esercita ancora oggi nella Chiesa e al di fuori di essa, sta «nell’aver riproposto un ritorno puro al Vangelo» (dall’Introduzione). L’Opera è nata su ispirazione della beatificazione dei martiri d’Algeria avvenuta l’8 dicembre 2018, la cui storia è raccontata all’interno del volume Semplicemente Cristiani. La vita e il messaggio dei beati monaci di Tibhirine a firma di Thomas Georgeon e Franςois Vayne.

“UNIVERSO DIGITALE”  per riflettere sulla nostra società e cultura digitale di Fabio Pasqualetti

 “Universo digitale. Come sta cambiando il nostro mondo” è un libro di Fabio Pasqualetti, docente ordinario di Teorie sociali della comunicazione della Facoltà di Scienze della comunicazione sociale dell’Università Pontificia Salesiana. Il libro propone una riflessione sulla nostra società e sulla nostra cultura digitale. Si tratta di una analisi dei meccanismi soggiacenti a molti fenomeni quotidiani legati al mondo digitale. Le tecnologie digitali della comunicazione sono uno spazio privilegiato di espressione e in un certo senso ci restituiscono ciò che siamo in termini di umanità e società. La Prefazione è di Lorenzo Magarelli, responsabile del Servizio diocesano Scienza e Fede – Diocesi di Trieste.  

“COME SALE E LIEVITO”  Il nuovo libro con la prefazione di Papa Francesco di Valentino Natalini e Ferdinando Campana

Come sale e lievito. Appunti per una teologia della vita consacrata della Chiesa è un nuovo libro a firma dei frati minori Valentino Natalini e Ferdinando Campana. Il testo, edito dalla Libreria Editrice Vaticana – Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede, è impreziosito dalla Presentazione autografa di Papa Francesco. «Questo testo a quattro mani, – afferma il Santo Padre – è scritto da un teologo francescano, attempato e collaudato, novantenne, che legge con la purezza del neofita i testi del magistero, con semplicità e profondità, senza farsi ingannare da scuole teologiche di parte, che sono o troppo avanti per attendere il tempo e il modo necessari per condividere con altri le proprie idee, o troppo in ritardo per accogliere la bellezza della novità e dell’evoluzione del magistero della Chiesa al passo con i doni dello Spirito che sempre stupisce. Il testo, poi, è arricchito dalle meditazioni e riflessioni di un più giovane confratello, liturgista e appassionato di teologia e di spiritualità, mio caro amico da lunga data, che si è cimentato con qualcosa di antico e qualcosa di nuovo, per rendere la Sposa più bella e più attraente, sulla scia del grande teologo svizzero Hans Urs von Balthasar, che aveva parlato della reciprocità del “principio petrino” e del “principio mariano” nella Chiesa, e che aveva dato per scontato che i tre stati di vita, di cui si parla in questo testo, sono ugualmente necessari e costitutivi della Chiesa».

PERCHÉ I POETI La parola necessaria di Eugenio Mazzarella 

Il libro di Eugenio Mazzarella, professore di Filosofia all’Università Federico II di Napoli, potrebbe essere considerato come una riflessione su questo «strano fatto della parola che prende addosso la vita e che nominando il mondo dice “Io”» (p. 7). Questo «strano fatto» è la poesia. Il mondo stesso rappresenta un’istituzione della parola, e la poesia non è che la custodia di tale istituzione, il «farsi del mondo nella parola» (p. 8).

Nella prima parte del libro – intitolata «Lirica e filosofia» –, la lirica si presenta come il luogo della soggettività, il luogo, cioè, in cui la coscienza scopre l’esistenza e il sé. In realtà essa costituisce la posizione soggettiva della coscienza ancor prima che questo passaggio avvenga con il cristianesimo.

Mille possibilità, ovviamente, nel mondo dell’editoria, esistono, di ogni genere, ma qui voglio condividere alcune delle mie letture, perché credo che ogni pensiero positivo e aperto, ci aiuti a curare e ad essere cura, prossimità, vicinanza, anche ad altri. La carità, l’impegno concreto, sono indispensabili, ma bisogna creare il cuore, la mente giusta affinché le azioni siano concretamente attente e rivolte al “Fratello”.

Camminiamo insieme e aiutiamoci a seguire la Luce, quella che ci fa rinascere dentro e fuori, creando quella dimensione di speranza e fede che fanno riscoprire la sacralità dell’umanità, aiutando sia la dimensione orizzontale che quella verticale della nostra vita. Qualcuno ha scritto che: “non sempre possiamo fare le cose che amiamo, ma possiamo sempre scegliere di fare con amore le cose che facciamo” e questo fa la differenza nella nostra vita e in quella degli altri.

Buona Lettura!

 @unavoce